In Microstock Tips And Tricks

Nuovo Set A Shutterstock

New sports set at Shutterstock

SPORT. Lo so, mi chiederete dov’è il cibo e la vostra domanda sarà giusta. 😎 Nonostante io sia specializzata nella fotografia di cibi, i miei portfoli per diverse agenzie sono vari. Non solo perché amo fotografare soggetti diversi. Ovviamente non fotografo lo sport nello stesso modo come fotografo il cibo 😬 perché non ho l’esperienza necessaria, ma faccio del mio meglio quando mi capita.

Ma qui non voglio parlare dello sport, è solo capitato che l’ultimo set creato a Shutterstock contiene immagini che fanno riferimento allo sport. Quello che voglio raccontare è che, ogni tanto, valuto il mio portfolio. Cerco di capire cosa vende meglio e cosa no per produrre contenuti rilevanti. Shutterstock ha strumenti meravigliosi che aiutano i contributori a capire i trend dei loro contenuti. I set sono importanti per capire se si creano i contenuti giusti e aiutano ad aumentare i guadagni ed il traffico nel portfolio. Costruire set per argomento aiuterà i visitatori a trovare le immagini che vogliono scaricare. Io preferisco sempre creare dei set per argomento perché ho un portfolio molto diversificato. C’è un interessante articolo sulla creazione di fantastici set di immagini scritto dalla curatrice professionista Liz Lapp; lo trovate qui e sono sicura che troverete alcuni buoni consigli nella lettura.

Dall’analisi delle immagini di un set nella sezione Top Performers di Shutterstock si possono capire un sacco di cose utili tipo: quali contenuti vendono meglio e quali meno, quali sono le parole chiave usate dai clienti che hanno acquistato le nostre immagini, ecc. Ho fatto uno screen stamp delle parole chiave usate dai compratori quando hanno acquistato le immagini del mio set SPORTS:

Top Performers Keywords

Come si può osservare, la prima foto nella lista, che è anche quella che piace e vende di più è stata acquistata con le seguenti parole chiave: paddleboard, dog, up. Adesso vi faccio la seguente domanda: “vi sareste aspettati che la parola chiave up poteva avere un’importanza cruciale per questa immagine?” Credo che molti di voi non l’avrebbero considerata molto importante come ho ritenuto io al momento dell’indicizzazione. Ma il dato è venuto fuori da solo proprio dalle ricerche dei visitatori. Tutte le immagini che hanno in basso le parole chiave elencate sono state acquistate tramite il motore di ricerca Shutterstock. Ma esistono anche delle immagini vendute dove nessuna parola chiave è specificata. Come mai? Quelle immagini sono state trovate tramite motori di ricerca esterni tipo Google, Bing ed altri. Shutterstock fa sforzi notevoli per ottimizzare le sue immagini in modo che i vari motori di ricerca li possano indicizzare meglio. Per ogni immagine viene creato un link ed un titolo in base alla descrizione che noi, i contributori, diamo alle nostre immagini. Se la descrizione non è corretta o è ambigua, le possibilità che errori verranno riportati nella struttura del link aumenta, di conseguenza la possibilità che le nostre immagini vengano scoperte nella ricerca diminuisce.

C’è una sola cosa che avrei da dire: mentre nella vecchia struttura della section Top Performers di Shutterstock erano presenti anche le immagini senza downloads e venivano ordinate da quelle più nuove a quelle più vecchie, nella nuova sezione Top Performers questi due dettagli non sono più presenti. Non è chiaro perché siano stati considerati irrilevanti e conseguentemente rimossi. Molti contributori dicono che questi dati erano molto utili per poter capire in un attimo la situazione delle immagini nuove e considerano utile anche l’ordinamento in base al numero di immagini scaricate e la data del caricamento. Facciamo un esempio pratico: se in un set di 100 immagini volessi capire quale vende meglio potrei saperlo subito perché le immagini in Top Performers sono ordinate in base ai guadagni, dal più alto al più basso. Ma se volessi sapere quali immagini in quel set non hanno venduto, sarebbe più difficile perché non compaiono elencate in Top Performers. Dovrei andare a fare un confronto per poter capire. Lo stesso, se volessi capire quanto hanno venduto le ultime immagini caricate dovrei andarle a cercare una per una e questo mi farebbe perdere tempo. Dal momento che per noi contributori il tempo è importantissimo, non è il caso sprecarne.

Per quelli che non usano ancora i sets e non sanno come si creano, questi articoli spiegano come: How do I organize my portfolio into Sets?, Shutterstock Galleries-The Joy Of Sets.

Mi piacerebbe sentire la vostra opinione sia sul mio set (quale considerate il migliore e quale il peggiore 😱 😖😫😩), prescindendo da quello che ha venduto meglio. Mi piacerebbe anche conoscere la vostra esperienza con il Catalog Manager ed uso dei set. Li state usando? Siete soddisfatti?

error: Alert: Content is protected !!